Smartsex

GENITORI,FIGLI E SESSUALITA' 2

GENITORI,FIGLI E SESSUALITA'

Secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Adolescenza il 40% dei ragazzi tra i 14 e i 19 anni ha avuto rapporti sessuali e 4 adolescenti su 10 sessualmente attivi ha rapporti sessuali senza protezione, di conseguenza i comportamenti sessuali a rischio nei giovani sono un argomento piuttosto rilevante.

Nonostante stiano crescendo, per i genitori può essere difficile accettare che i figli inizino a vivere le prime esperienze sessuali, soprattutto per quel che riguarda i papà con le figlie femmine. Parlare di sessualità, dunque, non è mai così semplice e molto spesso può essere un argomento imbarazzante che non si sa come meglio affrontare.
Il rischio maggiore di non parlarne è di far sì che si acquisiscano informazioni errate, diseducative, non idonee all’età e che portano a mettere in atto abitudini sessuali pericolose per la sicurezza e la tutela della propria salute.
Quindi è bene non farsi cogliere impreparati e soprattutto sorpresi, ma cercare di fornire gli strumenti adeguati per aiutarli al meglio in questa fase piuttosto delicata.

Ecco qualche piccolo consiglio:

Il corpo che cambia: Il periodo della pubertà è il periodo delle trasformazioni continue, soprattutto per quel che riguarda l’immagine corporea, che porta l’adolescente a non riconoscersi, a vedersi pieno di difetti e spesso a non accettarsi. I genitori in questa circostanza devono rassicurare il figlio che è assolutamente normale sentirsi un po’ persi, è naturale che il corpo cambi velocemente per diventare adulto e che in questa fase di assestamento alcune cose all’inizio possono non piacere, come ad esempio la peluria eccessiva o la crescita del seno nelle ragazze. Spiegategli voi cosa sta succedendo e quali cambiamenti dovranno affrontare senza fare troppi giri di parole, così da evitare che siano colti impreparati e, di conseguenza, anche un po’ impauriti.

La relazione con l’altro: Le relazioni affettive durante l’adolescenza, nonostante siano spesso transitorie, rivestono un ruolo fondamentale e preparano per le future relazioni sentimentali. Spesso il partner viene investito di un coinvolgimento molto più grande e si corre il rischio di voler bruciare le tappe soltanto per non sentirsi diversi ed essere accettati. È opportuno innanzitutto fargli comprendere che fare confronti con i coetanei non è positivo perché ognuno è diverso e quindi ognuno avrà i suoi tempi, le sue modalità e il raggiungimento di alcune tappe non avverrà per tutti nello stesso identico momento. Non solo ciò che sarà necessario trasmettergli è il rispetto delle proprie emozioni, dei propri sentimenti, di sé stessi e soprattutto del proprio corpo, per evitare che incappino in relazioni castranti, aggressive, che non gli permettano di vivere le amicizie e che potrebbero divenire violente.

Le prime volte: Non aspettate di parlare di sesso soltanto quando stanno vivendo la loro prima relazione, perché in quel caso devono essere già pronti per affrontare le loro prime esperienze. Permettetegli di sentirsi liberi di sperimentare ma al tempo stesso cercate di ricordargli che è fondamentale anche l’aspetto emotivo e relazionale legato alla sessualità, aspetti che vengono completamente tralasciati se si fa riferimento soprattutto al materiale che è presente online. Per evitare che si vivano esperienze negative è importante che si sentano sicuri e che abbiano fiducia nell’altro, ma soprattutto che non si sentano mai costretti.

Contraccezione sicura: I genitori ovviamente giocano un ruolo cruciale nel fornire ai figli le informazioni rispetto alla sessualità per evitare che si espongono al pericolo di contrarre malattie sessualmente trasmissibili e gravidanze indesiderate. Gli adolescenti hanno la convinzione, infatti, che alcune malattie non sia così vicine alla loro portata e, dunque, non si sentono così in pericolo. È opportuno, invece, insegnare ad essere sessualmente responsabili, non solo informandoli sui numerosi contraccettivi o indicandogli le numerose malattie sessualmente trasmissibili, incute soltanto timore, ma cercate di trasmettergli l’importanza di avere tutela della propria salute, del proprio corpo, e che il sesso può essere comunque piacevole anche se si utilizzano precauzioni e non si corrono rischi di alcun tipo.

Rendersi disponibili: È fondamentale che i genitori siano un punto di riferimento anche di fronte ad argomenti che possono essere più delicati. È necessario essere disponibili all’ascolto e che i figli si sentano liberi di poter esprimere le loro perplessità senza sentirsi in alcun modo giudicati. Se non si accetta la sessualità del proprio figlio e non si è aperti al dialogo si può correre il rischio non solo che non utilizzi le dovute precauzioni ma che anziché rivolgersi a voi per qualsiasi dubbio si affidi ad un amico, a notizie apprese per sentito dire e cosa peggiore a tutte le indicazioni che si possono trovare in rete.