Smartsex

VACCINO CONTRO IL PAPILLOMA VIRUS 2

VACCINO CONTRO IL PAPILLOMA VIRUS

Il nuovo vaccino contro il Papilloma virus, promette una protezione più ampia.

 

Dal 2017 il vaccino anti-Papilloma virus (HPV) entrerà nel piano vaccinale nazionale, sarà completamente a carico del Servizio Sanitario Nazionale e sarà consigliato non solo per le bambine, ma anche per i maschi. Questa la notizia. Ma l'Italia rappresenta un caso particolare, in tal senso.

«La peculiarità italiana è legata alle diverse politiche regionali. Infatti, mentre in alcune regioni particolarmente "illuminate" (come, per esempio, l'Emilia Romagna) il vaccino per il Papilloma virus è gratuito a partire da 11-12 anni di età fino addirittura ai 18 anni e le famiglie vengono informate in modo capillare, in altre regioni l'informazione in merito e la copertura sono davvero esigue» spiega la dott.ssa Testa.

I dati riguardo all'impatto del vaccino, a livello mondiale (fonte Centro Medico Santagostino) sono i seguenti: In Australia, a 6 anni dall’introduzione del vaccino, le infezioni da HPV 6/11/16/18 nelle donne di 18-24 anni sono diminuite dell’86% rispetto ai soggetti non vaccinati, negli USA addirittura dell’89%. La riduzione dei condilomi genitali in Australia è stata del 92,6%, e anche le lesioni pretumorali del collo dell’utero sono diminuite circa dell’85%.

Il Papilloma virus è responsabile del 90% dei tumori del collo dell'utero, ma non solo. In alcuni casi, lo stesso virus può causare (raramente) anche tumori alla vagina, alla vulva, al pene e al cavo oro-faringeo. Il Papilloma virus comprende 100 ceppi diversi ma solo alcuni di essi sono oncogeni (provocano lesioni tumorali). Il vaccino contro il Papilloma virus, a oggi, ne ha coperti 4 (2 oncogeni e 2 scatenanti i condilomi). Ora è in arrivo un nuovo vaccino per il Papilloma virus, a copertura più ampia e destinato non solo alle bambine-ragazzine ma anche ai maschi. La copertura vaccinale, l'informazione e la gratuità del vaccino in Italia sono decisamente frammentate, dipendendo dalle peculiarità delle diverse regioni. Infatti, ci sono regioni più "illuminate" in cui il vaccino è gratuito addirittura fino ai 18 anni di età (anche per i maschi) e sono previste riduzioni nel costo persino per le donne entro i 45 anni di età

 

Fonte: donnamoderna.com