Smartsex

Sanremo diventa “Fast track city” per combattere l’Hiv: domani la firma con il sindaco Alberto Biancheri

Sanremo diventa “Fast track city” per combattere l’Hiv

Inoltre sarà in città il "Lab mobile" per informare la cittadinanza su Epatite C, Hiv e Coronavirus

Sanremo. L’altra musica di Sanremo, nella settimana del 70° Festival della canzone italiana suona un inno alla salute e alla prevenzione. Due le iniziative: promossa dai Medici di Famiglia e accolta dalla società degli infettivologi, il Lab Mobile percorrerà molte città d’Italia per rafforzare il legame tra medici di famiglia e popolazione; l’altra è un atto formale di consapevolezza e impegno con “Fast Track City“.

 

«Il virus si trasmette per contatto diretto fra persona malata e persona sana, quindi si sconfigge con una battaglia porta a porta, condotta con serenità; viviamo infatti in un società avanzata, protetti da un sistema sanitario evoluto e dobbiamo comportarci di conseguenza», ha sottolineato il presidente Simit Marcello Tavio.

 

Il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri firmerà domani mercoledì 5 febbraio la “Paris Declaration”, con cui impegna la città dei fiori a diventare una Fast Track City, al pari di Milano, Brescia, Palermo e Firenze. Gli obiettivi di questa firma sono due: azzerare i nuovi casi di infezione da Hiv entro il 2030 e ridurre del 90-95% le nuove infezioni sino al 2022.

 

L’adesione ufficiale al progetto avverrà mercoledì 5 febbraio dalle 14.30 alle 15.30, presso la Suite 2020 c/o Miramare The Palace Hotel: interviene il senatore Pierpaolo Sileri viceministro della Salute. il parlamentare Mauro D’Attis, presidente Intergruppo parlamentare “Stop Aids”; Alberto Biancheri, sindaco di Sanremo; Loreta Kondili, Istituto Superiore di Sanità; Rosaria Iardino, presidente Fondazione The Bridge; Claudio Cricelli, presidente Nazionale Simg Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie; Massimo Andreoni, direttore scientifico Simit; Giovanni Cenderello, direttore Malattie Infettive Asl 1 Imperiese. Modera Vittoriana Abate. Madrina dell’iniziativa sarà Elisabetta Gregoraci; vari cantanti in gara al Festival hanno assicurato il proprio sostegno.

 

Nello stesso tempo, l’ambulatorio mobile per gli screening di Hiv ed Epatite C prosegue il suo tour e arriva a Sanremo in occasione del 70°Festival. A bordo, personale specializzato nell’effettuazione di esami clinici volti alla scoperta del “sommerso” per epatite C e Hiv.

 

L’iniziativa, concordata con il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità, realizzata con il contributo non condizionato di Gilead Sciences, è promossa dalla Simg, Società Italiana di Medicina Generale con la partecipazione anche della Simit – Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali e il Patrocinio del Ministero della Salute e dell’ISS.

 

FONTE: https://www.riviera24.it/2020/02/sanremo-diventa-fast-track-city-per-combattere-lhiv-domani-la-firma-con-il-sindaco-alberto-biancheri-615894/?fbclid=IwAR2frmn4uhJne-n2xkuKDTivPOv8mGLlXChMrPP0N1MnsiwOMa2GTdWstnI